Start up innovativa per la digitalizzazione della filiera della biomassa legnosa

Legna gastronomica: cosa ne pensano gli esperti?

Il progetto di Analisi Sensoriale – sviluppato in collaborazione con UNISG e PEFC – risponderà all’indagine gastronomica su quanto il tipo di legna scelta per una brace vada ad influenzare le caratteristiche di aroma e flavour della carne, con l’obiettivo di fare cultura sul tema e potenziare l’utilizzo della biomassa tra i ristoratori di tutta Italia.

Il parere degli esperti

Maria Piochi – Vicedirettore del Laboratorio di Analisi Sensoriale presso UNISG e Eugenio Signoroni – Critico gastronomico nonché curatore della guida “Osterie d’Italia” ci raccontano la loro opinione sull’utilizzo della legna come ingrediente in gastronomia.

«Se in cucina utilizzo un tipo di legno piuttosto che un altro avrò un risultato sensoriale diverso? Dallo studio di analisi sensoriale appena condotto ci aspettiamo dei risultati che aiutino a capire – attraverso l’utilizzo di tecniche strumentali e sensoriali – in che modo specie legnose diverse possano connotare una matrice alimentare durante la cottura alla brace».

– Maria Piochi

«La legna da ardere oggi è un ingrediente che non consideriamo fino in fondo ma che in realtà influenza il cibo che va a cuocere e il suo sapore. Quindi la ricerca che stiamo portando avanti è molto interessante per capire fino a che punto sia reale l’impatto del tipo e della qualità della legna, utilizzata per la cottura degli alimenti».

– Eugenio Signoroni

Articoli correlati

Stufe a pellet: il consumo di energia elettrica

Il riscaldamento a gas o gasolio porta con sé utenze elevate, soprattutto durante il periodo invernale dove ve n’è una necessità maggiore: quando le...

“La transizione ecologica e digitale nei sistemi di riscaldamento a biomassa” – Altrefiamme in diretta dal Senato

Mercoledì 3 aprile 2024, presso la Sala Nassirya del Senato della Repubblica Italiana, si è tenuto un incontro tra istituzioni e imprenditori, dedicato al...

Nuova direttiva UE per le rinnovabili: +42,5% l’obiettivo al 2030

La direttiva per promuovere e regolamentare le energie rinnovabili ha visto le istituzioni europee concordare sull'aumento al 42,5% per la quota di consumi finali...