Start up innovativa per la digitalizzazione della filiera della biomassa legnosa

Canne fumarie sensorizzate: cosa ne pensano gli esperti?

Altrefiamme ha raccolto l’opinione di professionisti ed esperti. In questa intervista, l’opinione di Francesco Puppa – titolare di un centro in Toscana specializzato in caminetti, stufe, forni e barbecue.

Il parere di un professionista


«Sono sempre alla ricerca di dispositivi innovativi e uno completamente digitalizzato, che monitora i fumi in uscita dalle stufe e dai camini, permette un controllo della combustione consapevole che aiuta il cliente finale a ottimizzare i costi e migliorare la qualità dell’ambiente circostante».

– Francesco Puppa

L’impatto sui costi e sull’ambiente

Una tecnologia dedicata al monitoraggio della combustione presenta innumerevoli vantaggi per il cliente nell’utilizzo e nel consumo del suo dispositivo, che funzionerà al meglio delle prestazioni facendo attenzione all’ambiente.
L’ideale per fornire un servizio ottimale in un mercato in crescita.

Articoli correlati

Biochar e BECCS: come diventare “carbon negative”

Con gli Accordi di Parigi del 2015 l’Unione Europea si è prefissata di triplicare l’utilizzo delle bioenergie, per raggiungere l’obiettivo “Net Zero Emission 2050”...

Bioenergie per la sicurezza energetica: la direzione dell’UE

Le bioenergie sono una soluzione rinnovabile efficace e versatile responsabile dell’85% della produzione di calore rinnovabile. Tuttavia, il settore del riscaldamento, che rappresenta metà...

Stufe a pellet: il consumo di energia elettrica

Il riscaldamento a gas o gasolio porta con sé utenze elevate, soprattutto durante il periodo invernale dove ve n’è una necessità maggiore: quando le...