Start up innovativa per la digitalizzazione della filiera della biomassa legnosa

Canne fumarie sensorizzate: cosa ne pensano gli esperti?

Altrefiamme ha raccolto l’opinione di professionisti ed esperti. In questa intervista, l’opinione di Francesco Puppa – titolare di un centro in Toscana specializzato in caminetti, stufe, forni e barbecue.

Il parere di un professionista


«Sono sempre alla ricerca di dispositivi innovativi e uno completamente digitalizzato, che monitora i fumi in uscita dalle stufe e dai camini, permette un controllo della combustione consapevole che aiuta il cliente finale a ottimizzare i costi e migliorare la qualità dell’ambiente circostante».

– Francesco Puppa

L’impatto sui costi e sull’ambiente

Una tecnologia dedicata al monitoraggio della combustione presenta innumerevoli vantaggi per il cliente nell’utilizzo e nel consumo del suo dispositivo, che funzionerà al meglio delle prestazioni facendo attenzione all’ambiente.
L’ideale per fornire un servizio ottimale in un mercato in crescita.

Articoli correlati

Pellet, legna da ardere e cippato: prezzi per il 2024

Il mercato dei biocombustibili negli ultimi anni sta balzando all’attenzione guadagnando un interesse sempre maggiore tra i consumatori che sono alla ricerca di una...

Progetto Fuoco 2024: Altrefiamme presenta le Canne Fumarie Sensorizzate

Dal 28 febbraio al 2 marzo 2024 a Verona, Altrefiamme parteciperà come espositore all’edizione annuale di Progetto Fuoco, la più importante fiera al mondo...

Bonus Pellet 2024: come ottenerlo?

La maggiore richiesta di pellet ne ha determinato l’aumento del prezzo: per questo è fortemente consigliato andare alla ricerca di agevolazioni e bandi regionali...