Start up innovativa per la digitalizzazione della filiera della biomassa legnosa

Canne fumarie sensorizzate: cosa ne pensano gli esperti?

Altrefiamme ha raccolto l’opinione di professionisti ed esperti.

Qui l’intervista in cui Fabrizio Santarini – titolare di un’azienda storica di rivendita e installazione di prodotti a biomassa di Rimini, racconta il suo punto di vista.

Il parere di un professionista

«Trovo molto utile avere un sistema digitalizzato di rilevazione dati che, tra le altre cose, è di aiuto a noi nello spiegare al cliente finale cosa sta accadendo nella sua stufa a pellet o nel suo camino, tramite dei numeri precisi che monitorano il processo di combustione costantemente e in tempo reale. Una soluzione che aiuta anche nel ridurre i tempi per i processi di conduzione degli impianti e fornire un servizio più concreto e migliorato».

– Fabrizio Santarini

Vantaggi per il consumatore e per l’ambiente

La tecnologia può diventare un grande alleato per il professionista (rivenditore, installatore o manutentore) nell’aiutarlo a far capire al cliente finale quale sia la giusta modalità di conduzione di un dispositivo a biomassa legnosa.

Una educazione al consumo che parte dalla scelta del combustibile fino al corretto utilizzo della stufa o camino.

Articoli correlati

“La transizione ecologica e digitale nei sistemi di riscaldamento a biomassa” – Altrefiamme in diretta dal Senato

Mercoledì 3 aprile 2024, presso la Sala Nassirya del Senato della Repubblica Italiana, si è tenuto un incontro tra istituzioni e imprenditori, dedicato al...

Nuova direttiva UE per le rinnovabili: +42,5% l’obiettivo al 2030

La direttiva per promuovere e regolamentare le energie rinnovabili ha visto le istituzioni europee concordare sull'aumento al 42,5% per la quota di consumi finali...

3 soluzioni per il pellet che non brucia bene

Avere una stufa a pellet in casa è incredibilmente conveniente e tantissimi italiani hanno fatto questa scelta per riscaldare la propria casa: una soluzione...