Quando si parla di cuocere usiamo con nonchalance questo verbo generico, che indica un gesto solo apparentemente semplice. Se prendiamo la definizione del vocabolario, cuocere consiste nel “sottoporre all'azione diretta o indiretta del fuoco o del calore delle sostanze alimentari per renderle appetibili e digeribili”.

Ma si fa presto a liquidare così un’operazione chimica complessa e articolata: dagli albori della storia dell’uomo a oggi, i metodi di cottura sono diventati molti, diversi, ognuno con le sue importantissime peculiarità. Di questo parla il libro, anzi il “manuale Slow” di Eugenio Signoroni (Slow Food editore, 18,00 €) che ci aiuta a districarci nel mondo della cottura per apprendere le giuste tecniche e cucinare perbene le ricette.

Brasare, friggere, bollire, cuocere sulla brace, in una busta sottovuoto o scavando una fossa nel terreno... dalla scoperta del fuoco sino ad oggi, l’uomo ha messo a punto molti processi per rendere il proprio cibo più digeribile e più buono. La cottura diretta sulla fiamma, l’introduzione di griglie e barbecue, i forni e le padelle dettagliati nelle loro specificità: tutti i consigli per scegliere al meglio il giusto strumento per la tecnica che vorrete sperimentare.